top of page
  • trentinoecoenergy

I sistemi di accumulo per fotovoltaico: cosa sono e come funzionano?

Le fonti rinnovabili ci stanno permettendo di ridurre la nostra carbon footprint (inquinamento delle singole persone) in modo semplice.

I pannelli fotovoltaici in praticolare hanno visto una forte espansione nel mercato internazionale e nazionale, grazie a piani come il NextGenerationEU, e a incentivi messi in campo dai singoli stati per agevolare chi decide di installare un impianto fotovoltaico.

Come ben sappiamo, l'energia da fonti rinnovabili, in particolare quella solare, non sono continue dato che dipendono da molti fattori come le condizioni atmosferiche.

Per questo sono necessari, nel caso del fotovoltaico, i sistemi di accumulo che permettano di immagazzinare l'energia prodotta in eccesso per poi riutilizzarla nei momenti di bisogno.


Molto consueta è la situazione in cui durante il giorno ci sia tantissima produzione e poco consumo, dato che solitamente durante il giorno si è al lavoro o a scuola..


Come funziona un sistema di accumulo?

I sistemi di accumulo sono composti da batterie in cui viene immagazzinata tutta l'energia in eccesso, per poi essere utilizzata in seguito.

Componente fondamentale sono le batterie, incaricate di immagazzinare tutta l'energia in eccesso. Resta quindi importante valutare sempre la qualità dei componenti, soprattutto in questo caso.


Come varia la produzione in una giornata?


Per capire come varia la produzione di un impianto fotovoltaico nell'arco della giornata, possiamo procedere dividendola in 3:

  • Mattina: produzione minima, consumo alto. Il sistema di accumulo usa l'energia accumulata il giorno prima;

  • Pomeriggio: produzione alta, consumo minimo: come detto in precedenza, in questo momento della giornata le famiglia consumano meno e ad intermittenza. L'energia prodotta in eccesso viene quindi immagazzinata;

  • Sera: bassa produzione e alti consumi: vista la mancanza di irraggiamento solare, il consumo grava quasi completamente sulle batterie.

Speriamo che questa breve spiegazione sia stata utile. Per avere approfondimenti, vi lasceremo qui sotto i link ai siti da qui abbiamo raccolto le informazioni.


Ci teniamo a precisare che le informazioni di questo post sono state prese da fonti multiple, tra cui:


23 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page